Wenn alle verrückt sind, ist niemand verrückt Plus on est de fous, plus on rit Serie: Candice Renoir


  • Wenn alle verrückt sind, ist niemand verrückt     Plus on est de fous, plus on rit

  • Serie:  Candice Renoir

  • Les méthodes de Candice Renoir ne cessent d'étonner ses collègues, seule Pascale Ibarruri, de l'I.J., s'est liée d'amitié avec elle. Le groupe enquête cette fois-ci sur le meurtre d'un comptable, poignardé à son domicile, et Candice trouve une piste grâce à la cuisson de la viande. Elle découvre également que ses subalternes ont tous demandé leur mutation.
  • Ein Buchhalter wird ermordet in seinem Garten aufgefunden. Die Ermittlungen ergeben, dass er eine Unterschriftenaktion gegen eine nahe gelegene Psychiatrische Klinik initiiert hatte, die ihren Patienten ungehinderten Zugang zum Wohnviertel des Ermordeten gewährte. In den Fokus der Ermittlungen gerät ein an Huntington erkrankter Patient der Klinik, der den Sohn des Ermordeten auf einem Spielplatz angesprochen hatte. Während ihr Team von der Schuld des Patienten überzeugt ist, ermittelt Renoir in eine andere Richtung. Die Spannungen innerhalb der Kollegen eskalieren, Renoirs Team beantragt geschlossen deren Versetzung. Schließlich sorgt eine Wette zwischen Capitaine Dumas und Renoir dafür, dass geklärt wird, wer das Team auch in Zukunft leitet. Die Rivalitäten der Kollegen zeigen Renoir dann auch indirekt den richtigen Weg, der zur Aufklärung des Mordfalls führt.
  • Gastdarsteller / Invités:

    Patrick Rocca : Dr Drouot
    Mathias Jung : Christian Melki
    Sandrine Clemençon : Isabelle Le Meaux
    Vincent Steinebach : Yanis Melki
    Antoine Baillet : Fabien Angelo
    Lise Laffont : Sylvie Caron
    Emmanuelle Osmont : Camille Langlais
    Yasmina Pastural : Fleuriste
    Marie Audrey Simoneau : Vanessa


    -------------------

Hauptdarsteller und ihre Rollen:

    Cécile Bois: Candice Renoir
    Raphaël Lenglet: Antoine Dumas
    Mhamed Arezki: Jean-Baptiste Medjaoui
    Gaya Verneuil: Chrystelle Da Silva
    Alix Poisson: Pascale Ibarruri
    Delphine Rich: Aline Jego
    Samira Lachhab: Yasmine Attia
    Alexandre Varga: Hervé Mazzani
    Stéphane Blancafort: David Canovas
    Arnaud Giovaninetti: Laurent Renoir

Nebendarsteller:

    Lorella De Luca: Candice Renoir
    Roberto Palermo: Antoine Dumas
    Francesco Mei: Jean-Baptiste Medjaoui
    Ludovica De Caro: Chrystelle Da Silva
    Renata Bertolas: Pascale Ibarruri
    Dania Cericola: Aline Jego
    Stefania De Peppe: Yasmine Attia
    Marcello Cortese: Hervé Mazzani
  • Candice si trova al bar sulla spiaggia in compagnia di Pascale, scoprendo da quest'ultima che è il locale preferito dai suoi colleghi. Purtroppo Candice non è ancora riuscita a entrare in sintonia con la sua squadra, il cui punto di riferimento operativo resta Antoine. Proprio quest'ultimo telefona a Pascale, anziché al suo diretto superiore Candice, per avvertire che c'è stato un delitto. Thierry Caron è stato ritrovato morto nel giardino di casa con il barbecue acceso: il cadavere riporta numerose coltellate, a significare la cudeltà del delitto. Parlando con la moglie Sylvie, Candice scopre che lei e il marito erano ai ferri corti, tanto da dormire separati, perché costui lavorava troppo e finiva per trascurare sia lei che il figlio Lukas. A far traboccare il vaso è stato un episodio spiacevole: Thierry si era dimenticato di andare a prendere Lukas agli allenamenti di calcio, con il bambino che è fuggito spaventato da un disabile del vicino centro di igiene mentale. Da quel momento Thierry si era battuto per far chiudere il centro, avanzando una petizione che era stata firmata da alcuni abitanti del quartiere, impauriti perché i malati erano lasciati circolare liberamente all'esterno della struttura. Uno dei più convinti sostenitori della petizione è Fabien Angelo, steward vicino di casa dei Caron, che non esita ad accusare del delitto Christian Melki, l'uomo che aveva avvicinato il piccolo Lukas.
    Candice e Antoine si recano al centro, diretto dal dottor Drouet. Il medico spiega loro che Christian è affetto dalla malattia di Huntington e che gli restano pochi anni da vivere: ad assisterlo c'è Isabelle Le Meaux, volontaria del centro. Il dottor Drouet denuncia agli inquirenti la scomparsa di un coltello da cucina, probabile arma del delitto di Caron, e che una vicina di casa della vittima dice di aver visto Christian nelle vicinanze del suo giardino all'incirca verso l'ora dell'omicidio. Tutto sembra puntare contro il disabile, ma Candice non è convinta che possa aver avuto la lucidità di commettere un crimine così grave. Intanto, Candice comincia a infastidirsi per le frequenti visite da parte dei suoi figli, soprattutto Jules, a casa di Hervé: la donna mette in chiaro con l'uomo che non vuole fare l'amante, poiché è fidanzato con Claire (conosciuta il giorno del barbecue) e lei non intende comportarsi come suo marito con lei quando la tradiva. Ulteriori tensioni arrivano dal lavoro: Candice viene a sapere da Attia che tutti i suoi sottoposti hanno presentato istanza di trasferimento, ma poiché Candice è l'ultima arrivata sarebbe lei a rischiare di più. Attia esorta la Renoir a collaborare con i suoi colleghi, pretendendo che si comporti da caposquadra e non da detective privato.
    Candice interroga Camille Langlais, la vicina di casa dei Caron che ha detto di aver visto Christian, e viene a sapere dalla donna che a quell'ora era parcheggiato il camion delle consegne di un fiorista. Candice scopre che uno dei fattorini è Yanis Melki, figlio di Christian, che da un paio di anni ha iniziato a commettere piccoli reati perché ha scoperto di avere la stessa patologia del padre, da lui accusato di avergli rovinato la vita. In commissariato Christian e Yanis si riavvicinano: l'affetto, in fondo mai completamente svanito, del figlio verso il padre convincono circa l'innocenza del giovane. Candice parla con Isabelle, la volontaria che segue Christian, che le racconta di essere riuscita a far desistere Thierry dal portare avanti la petizione. Pascale avverte Candice che dagli esami sul cadavere risulta che le coltellate sono state inferte dopo la morte: la vera arma del delitto sarebbe un oggetto lungo e appuntito, probabilmente uno spiedino. Peccato che si è ormai diffusa la voce che il delitto è stato commesso da Christian: il dottor Drouet viene aggredito da un vandalo e vuole sporgere denuncia contro la polizia, avendo egli precedentemente richiesto protezione contro possibili aggressioni. Candice aveva incaricato Chrystelle di mettere sotto controllo il centro, ma la ragazza non l'ha ascoltata perché prende ordini solo da Antoine: come atto di sfida Candice lascia al capitano Dumas la decisione sul provvedimento disciplinare e costui opta per un semplice rapporto.
    Osservando il figlio Jules lamentarsi perché manca il curry, quindi lo deve chiedere a Hervé, Candice ha un'illuminazione: come mai Thierry non ha chiesto la carbonella al vicino di casa Fabien, ma è andato fino a una stazione di servizio per comprarla? Candice fa una nuova visita allo steward, scoprendo che lui e Thierry avevano litigato perché quest'ultimo voleva lasciar perdere la faccenda della petizione. Antoine rivela di aver saputo che Fabien ha perso il lavoro, soffrendo di attacchi d'ira che lo hanno portato ad aggredire un passeggero, e che attualmente si sottopone a sedute di narcoterapia. Candice ha notato che i fiori del giardino dei Caron sono appassiti, il che è strano se si considera che Thierry aveva preso dei giorni di ferie per fare giardinaggio. Nel frattempo, stanca delle scommesse di Antoine su quando andrà via, Candice decide di sfidarlo: chi risolverà per primo questo caso assumerà il comando della squadra. Dai tabulati telefonici risulta che Thierry, quando non lavorava, si recava a un banco alimentare di cui era diventato volontario da quando ha abbandonato la sua battaglia contro il centro per disabili: la direttrice Vanessa spiega a Candice che l'uomo si era pentito del suo atteggiamento verso Christian, anche perché facendo qualcosa per gli altri sperava di riconquistare l'affetto della moglie.
    Candice fa la scoperta decisiva: Thierry era stato scelto da Vanessa come contabile del banco alimentare, incarico che sarebbe dovuto andare a Isabelle Le Meaux. Candice si rende conto che questa è la sua stessa situazione: anche Antoine aveva ottenuto un posto, quello di comandante della squadra, prima che arrivasse lei a portarglielo via. Quindi, Thierry è stato ucciso da Isabelle che ha poi tentato di far ricadere la colpa sul centro del dottor Drouet. Candice riesce a incastrarla, facendo simulare al medico un infarto, così che Isabelle possa tradirsi digitando il codice segreto per accedere ai locali interni del centro. Isabelle conferma il movente: ha ucciso Thierry perché le ha portato via il posto da contabile, adducendo la discriminazione nei confronti delle donne quando si tratta di attribuire ruoli di comando. Antoine rispetta la promessa fatta a Candice e si complimenta molto freddamente con lei per essere diventata a tutti gli effetti comandante della squadra, lasciando chiaramente trasparire la scarsa fiducia verso di lei.
    Quella sera Candice va al bar sulla spiaggia, dove incontra i colleghi e offre loro da bere per provare a rompere il ghiaccio. Al bancone trova Claire, la fidanzata di Hervé, che le annuncia di averlo lasciato: la Renoir dissimula lo stupore, avendo ora campo libero verso di lui.

 Bild:
Cécile Bois  Von Georges Biard, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org
 /w/index.php?curid=48460198

Text:  CC-by-sa-3.0